8 aprile 2006

11 aprile 2006

20 aprile 2006

27 aprile 2006

5 maggio 2005

etno JAZZ&TASTE fest

Calendario

Scarica il programma completo in formato .pdf

8 aprile 2006

Sala bar del Teatro S.Ignazio via Pisani Dossi 25
(Lambrate - mm Loreto + bus 55, bus 75)

ore 19.30 l'ascolto del gusto

JAZZ FRONTIERS Quartet
(3° class. Etno Music Competition 2004 – Verona )

Andrea Pimazzoni : sax tenore
Enrico Terragnoli
: basso
Paolo Zanella : piano
Alberto Girardi
: batteria

Questo gruppo nasce nel 2002 con l'intento di approfondire la propria passione per il jazz nel contesto ristretto e impegnativo del quartetto. Inizia subito ad esibirsi in alcuni locali proponendo un repertorio dedicato interamente a Thelonius Monk per poi cimentarsi con l'arrangiamento di alcuni importanti standards e con la composizione di brani originali. Pimazzoni si è aggiudicato, nel settembre 2005, il premio Massimo Urbani. Terragnoli vanta la collaborazione con Paolo Birro, Billy Cobham, Mark Abhrams, Antonello Salis e Mauro Negri, Zanella ha collaborato con Franco Cerri, Gianni Basso, Gianni Coscia e Francesco Bearzatti. Girardi si è formato con Massimo Manzi ed ha al suo attivo corsi di perfezionamento con John Riley, Billy Cobham e Vinnie Colaiuta.

Degustazioni guidate a cura del Club di Papillon

ore 21.30 l'assaggio della musica
Teatro S.Ignazio

BOB SINGLETON & THE GOLDEN GOSPEL SINGERS

Deidre Valentine soprano
Rose Simmons
: alto
Christopher Gales : tenore
Robert Singleton
: baritono
Charles Beachum : tastierista
Jones Sherman
: batteria

I Golden Gospel Singers di Harlem sono uno fra i gruppi gospel più conosciuti e amati in Europa. La formazione, creata e diretta dal genio di Bob Singleton, è composta da sei elementi di cui due strumentisti. Ciò che rende i Golden Gospel Singers diversi da tutti gli altri gruppi presenti in Italia è la loro capacità unica di 'accattivarsi' le simpatie di ogni genere di ascoltatore. Dopo i primi brani tutto il pubblico è in piedi che canta e applaude. Il bilancio dei loro concerti parla da sé: il 'tutto esaurito' accompagna di regola le loro esibizioni ed il successo di critica e pubblico è a dir poco eccezionale. "Pure", purezza, è il titolo del loro ultimo album che dimostra l'incredibile livello qualitativo che il gruppo ha raggiunto nel corso degli ultimi anni e che rappresenta la nuova svolta artistica da loro intrapresa: insieme ad originalissimi arrangiamenti del repertorio gospel e spiritual, la loro musica si avvicina, infatti, alle più moderne tendenze hip-hop e rap, ampliando ed arricchendo a dismisura il repertorio tradizionale.

top

11 aprile 2006

Ristorante Circolo La Moiazza , via Boltraffio 18
(Quartiere Isola - MM3 Zara, ATM 90/91)

ore 19.30 l'ascolto del gusto

NOIR ENSEMBLE
(2° class. Etno Music Competition 2004 – Donnas – Ao)

Manuel Pramotton : saxofoni
Enzo Favre
: contrabbasso
Massimo Leonardi : batteria

Il Noir Ensemble Trio propone un genere musicale composto quasi esclusivamente da brani originali. Si tratta di una ricerca sonora e timbrica che può definirsi “sperimentale” e che si avvicina ad una sorta di etno-funk pur conservando una origine jazzistica. I brani hanno infatti una matrice più popolare che swing, i loro temi sono il fulcro della composizione che ogni volta presenta all'ascoltatore uno stato d'animo, un personaggio o un argomento particolare Assolo e improvvisazioni sono il punto forte del Trio, che soprattutto dal vivo, lascia spazio al dialogo tra i musicisti per creare ogni volta un “avvenimento particolare", vissuto “istantaneamente”.

Degustazioni guidate a cura del Club di Papillon
ore 21.30 l'assaggio della musica
TANGO TRES

Donato D'Antonio : chitarra
Vittorio Veroli
: violino
Silvio Zalambani : sax soprano, arrangiamenti

Per anni Zalambani ha approfondito lo studio del tango e della cultura afro-cubana e brasiliana. Nel 1997 ha dato vita al trio "Tango Tres" e nel 2000 al "Grupo Candombe". Il trio ha debuttato al Palau della Musica di Valencia (Spagna) in occasione del "XI Festival Mondiale del Sassofono".

Tango Tres è un viaggio nei sentimenti che hanno generato il tango: la tristezza, la frustrazione e la nostalgia degli immigrati soli e fragili nei sobborghi di Buenos Aires e la mescolanza tra culture diversissime che generano nuova linfa vitale ed originale al tempo stesso.

Il trio propone una ricerca sulle origini del tango del primo periodo, noto come "Guardia Vieja" (Vecchia Guardia), negli stili in voga tra il 1880 e il 1920, tra Buenos Aires e Montevideo, così come in tutta l'America Latina: danza e habanera cubana, maxixe brasiliano, candombe uruguayano e milonga argentina. Eseguiti con grande maestria dal trio, i brani sono tratti dai motivi più famosi dei più importanti autori del periodo, Villoldo, Bardi, Arolas, Greco, Saborido, Rodriguez, Mendizábal, Canaro, Hargreaves, Ponzio, Loduca, Teisseire, Campoamor, Maglio "Pacho", ecc… L'originalità del progetto sta negli arrangiamenti di Zalambani, che ha saputo coniugare il tango con il jazz attraverso spunti improvvisativi, ritmici ed armonici di largo respiro .

top

20 aprile 2006

Mama Cafè via Caminadella 7
(S.Ambrogio - MM2 S.Ambrogio - Tram 2, 14)

ore 19.30 l'ascolto del gusto

NICOLA ANDRIOLI Quartet
(2° class. Etno Music Competition 2005 – Brindisi )

Raffaele Casarano : sax
Nicola Andrioli : piano
Marco Bardoscia : basso
Dario Congedo
: batteria

Giovane pianista che ha già ottenuto vari riconoscimenti come il 1° premio al Concorso Internazionale pianisti jazz 2001 Friederich Guldae” e il "Premio Massimo Urbani 2003".

In questi ultimi anni ha studiato con George Cables , Dave Liebman , Barry Harris, e Franco D'Andrea , perfezionando anche la sua vena compositiva che nelle musiche originali di questo gruppo emerge in tutta la sua maturità insieme ad una grande esperienza concertistica nonostante la giovane età.

Attualmente vive tra l'Italia e Parigi, città nella quale frequenta il corso di perfezionamento di jazz.

Degustazioni guidate a cura del Club di Papillon

ore 21.30 l'assaggio della musica
KELVIN SHOLAR Trio
Special guest:
MAURIZIO CARUGNO : sax tenore

Kelvin Sholar, piano
Mariano Nocito
: contrabbasso
Massimo Manzi : batteria

Kelvin Sholar è un pianista afroamericano che, nonostante la giovane età, è ormai inserito come leader e modello nel panorama internazionale collaborando e suonando a fianco di quelli che sono stati i suoi maestri (Clark Terry, Wallace Roney, David Murray, Lenny White…) diventando così una figura di rilievo sulla scena del jazz moderno. Le sue composizioni sono suonate in tutto il mondo; i suoi gruppi da leader hanno ottenuto grandissimi consensi oltre ad attirare l'attenzione su questo pianista lirico ed appassionato e nello stesso tempo aperto all'avanguardia, con uno stile molto originale.

Ha partecipato a numerosi festival internazionali vincendo anche diversi premi. Tra le sue infinite collaborazioni spiccano quelle con Sonny Rollins, Wayne Shorter, Billy Higgins, Bobby Watson, James Carter, Joe Faddis e Greg Osby.

Maurizio Carugno , saxofonista tenore, unisce ad un sound robusto e marcatamente jazz un fraseggio moderno e calato nella tradizione più viva del jazz. Erede ideale del grande Gerry Bergonzi, ha collaborato con i più grandi musicisti americani e italiani tra i quali citiamo Cameron Brown, Billy Hart, Victor Lewis, Joe Calderazzo, Bob Gullotti, Bruce Gertz, Pete Malinverni, George Garzone, Tullio De Piscopo. Ha registrato e suonato con Joe Diorio, Gerry Bergonzi, Dave Santoro, Dave Kikoski, Marcello Pellitteri, Essiet, Paul Jeffrey e Massimo Manzi che, insieme a Mariano Nocito, forma una ritmica molto solida e al tempo stesso duttile alle scorribande ritmiche di Sholar.

top

27 aprile 2006

Barrio's cafè via Barona ang via Boffalora
(Barona - MM2 Romolo/Famagosta + 76, 74, 71, 59)

ore 19.30 l'ascolto del gusto

DANIELE SALA T rio
(1° class. Etno Music Competition 2003 – Marsala-TP)

Daniele Sala : piano
Andres Christensen
: contrabbasso
Giuseppe Nuccio : batteria

Il gruppo jazz nasce nel 2001, svolgendo attività concertistica nella provincia di Trapani e Palermo ed ha all'attivo due lavori discografici. Il repertorio è composto da standards riarrangiati e da composizioni proprie.

La caratteristica principale di questo trio sta nel pianismo molto lirico e moderno di Sala e da un continuo interplay tra piano, basso e batteria. Sala è già un pianista maturo grazie anche alle collaborazioni con grandi artisti quali Joe Lovano, Massimo Moriconi, Ares Tavolazzi, Massimo Manzi e Antonio Ciacca.

Degustazioni guidate a cura del Club di Papillon

ore 21.30 l'assaggio della musica

ROYAL CUBA

Ivan Bridon : piano
Gendrikson Mena
: tromba
Mauricio Elsaxo : sax tenore
Daniel Govin
: trombone
Juan Carlos Calderin : batteria
Gabriel Delgado
: congas
Eduardo Cespedes : basso, voce, arrangiamenti e direzione

Il meglio dei giovani musicisti cubani é riunito in questo gruppo che formatosi a Cuba é passato per la Florida e per New York prima di arrivare in Europa.

I ritmi della tradizione cubana, qui rinnovati e rielaborati, si sposano mirabilmente con la ricchezza armonica e melodica del jazz dando vita ad una performance di rara energia ed intensità emotiva. Il gruppo unisce gli elementi afro della Santeria, conservandone tutta l'autenticità, con il jazz più attuale.

Nella musica di questo gruppo s'intravede la vitalità di artisti quali Compay Segundo con la sua tradizione cubana, la spazialità di Miles Davis, l'energia di Charlie Parker, il tocco sanguigno di Carlos Santana e Jimmy Hendrix e l'estro dei migliori musicisti americani e cubani con i quali tutti i membri hanno collaborato; tutto questo in una sintesi musicale innovativa di grande impatto e comunicazione con una forza ritmica insuperabile ed una ricchezza armonica singolare.

Eduardo Cespedes , leader del gruppo, realizza le sue prime tourneé in Panama, Messico, Perù, Nicaragua, Etiopia e Spagna. Nel '95 collabora con Josè Luis Cortez e fonda il gruppo “Bamboleo” arrivando ai primi posti nelle classifiche della radio e televisione cubana.  Nel '96 si trasferisce in Italia e con “Edoardo Barreto y su banda” colleziona apparizioni televisive in programmi quali Roxy bar , Buona Domenica , Uno mattina e Help . Un anno più tardi collabora col percussionista Ernestico Rodriguez (Pino Daniele e Jovannotti) nell'orchestra “Cubanissima”. Attualmente dirige l'orchestra “ La Cubana ”.

top

5 maggio 2006

Circolo S.Nicola via Ciaia 12
(Dergano - ATM 82, 41, 70, 52)

ore 19.30 l'ascolto del gusto

SLIVOVITZ
(1° class. Etno Music Competition 2004 – Napoli )

Derek Di Perri: armonica
Pietro Santangelo
: saxofoni
Riccardo Villari : violino
Domenico Angarano
: basso
Marcello Giannini : chitarra
Stefano Costanzo
: batteria

Gli Slivovitz propongono una musica estremamente originale e contaminata, basata sull'interazione di influenze funky, bossa, blues, arabiche ed etniche in generale con una costante ricerca di sonorità d'impatto che riescono a conciliare tradizione e modernità.

Il gruppo ha già partecipato a vari concorsi e rassegne musicali, riscuotendo ovunque un largo consenso.

Degustazioni guidate a cura del Club di Papillon

ore 21.30 l'assaggio della musica

OM di ROBERTO MARTINELLI
“ Quando le parole non bastano”

Ermanno Signorelli : chitarra
Piero Salvatori
: violoncello
Ares Tavolazzi : basso
Lele Barbieri : batteria
Roberto Martinelli : sax soprano,arrangiamenti e direzione

“Là, dove non esiste confine fra anima e scienza, dove struttura e improvvisazione si compenetrano, dove la tensione e' rivolta all'univocita' di un linguaggio di ricerca e comunicativo, lì inizia il cammino del gruppo OM”.

Sono parole scritte da Roberto Martinelli, musicista con alle spalle un diploma di clarinetto, uno di composizione, uno di direzione e musica corale ed un perfezionamento in sax con Joe Viola al Berklee College of Music di Boston (USA).

Attivo come strumentista, arrangiatore e compositore, ha avuto modo di esibirsi nei piu' prestigiosi teatri italiani, in trasmissioni Rai e Mediaset, in incisioni discografiche e produzioni a fianco di importanti artisti sia jazz che di musica leggera (Paolo Fresu, Giorgio Gaslini, Furio Di Castri, Enrico Rava, Gianluigi Trovesi, Stefano Bollani, Enzo Jannacci, Renato Zero, Laura Pausini e Giorgia).

Recentemente ha composto e diretto, a Londra e a Praga, la colonna sonora del film “Full Circle” ed attualmente sta collaborando come direttore d'orchestra e sassofonista nel tour di Ornella Vanoni e Gino Paoli.

top
-----------------------

Scarica il programma completo in formato .pdf

invia email

-----------------------


chi siamo | artisti | progetti| attività | calendario | officina | discografia |home |